Lene Marlin Italian fan-club
Norse Tales
Versione italiana   English version

 Home page


 News
 Foto
 Agenda
 Classifiche
 Rassegna stampa
 Biografia
 Discografia
 Testi & Accordi
 Diario & Chats
 Audio & Video


 Regolamento
 Guestbook
 Forum
 MySpace
 Chat
 Vota Lene
 Download
 Sondaggi
 Cerca
 Links


 Iscriviti!
 Iscritti
 Staff/Contatti
 Storia
 Esperienze
 Rubriche
 Fumetto
 Cartoline
"Mariti stupidi e mogli terribili" - 15 ottobre 2003


C’era una volta una donna che litigava con un’altra come fanno ogni tanto le donne, e non avendo altro da dire cominciarono a discutere sui loro mariti, su quale dei due fosse il più stupido. Più parlavano e più si infuriavano; alla fine stavano per prendersi per i capelli, perché si sa bene che «è più facile per l’ira andare avanti che indietro, e che è un guaio quando manca il buon senso». Non c’era niente che non potesse far credere a suo marito, dichiarò la prima, bastava che lo dicesse lei, perché quello era credulone come i troll, e l’altra replicò subito che non c’era stupidaggine che non riuscisse a far fare a suo marito, bastava che lo dicesse lei, perché lui era di quelli che da soli non sanno cavare un ragno dal buco.
- Vediamo un po' allora chi di noi prenderà più in giro il proprio marito, così sarà chiaro chi è il più stupido, - dissero, e su questo si misero d'accordo.
Quando il marito tornò a casa dal bosco, la prima delle due esclamò: - Dio ti aiuti! È proprio un guaio, sei certo malato, se non già moribondo.
- Ho solo bisogno di mangiare e di bere, - disse l'uomo.
- Dio mi aiuti! - gridò la donna, - è sempre peggio, a guardarti sembri quasi un cadavere. Devi metterti a letto! Così non può durare a lungo!
E continuò così fino a che riuscì a convincere il marito di esser in punto di morte; lo fece coricare, gli fece giungere le mani, chiudere gli occhi e poi lo sistemò, lo stese sulla paglia e lo mise nella cassa; per non farlo morire soffocato lì dentro però aveva aperto qualche buco nelle assi, così quello poteva respirare e guardar fuori.
L'altra donna prese due scardassi e si mise a scardassare, ma senza lana. Tornando a casa, il marito vide quella pantomima.
- Serve poco la rocca senza lana, ma scardassare senza lana è da donna ben balzana, - disse il marito.
- Senza lana? - replicò la moglie, - ma io la lana ce l'ho; tu non la vedi perché è di una qualità molto fina, - spiegò poi.
Dopo avere scardassato un bel po' tirò fuori la rocca e cominciò a filare.
- Questa è grossa, - esclamò il marito, - eccoti lì seduta a far ronzar la rocca e rovinarla, con niente sopra!
- Niente sopra? - chiese la donna, - il filo è così sottile che per vederlo ci vogliono ben altri occhi, - concluse.
Quando ebbe finito di filare avvolse il filo, preparò il telaio, distese il filo tra i rulli, lo passò su e giù e tessé la tela. Poi la tolse dal telaio, la pressò, la tagliò e ci fece dei vestiti per il marito; una volta pronti li appese nel solaio sopra la dispensa. Il marito non riusciva a vedere né la stoffa né i vestiti, ma oramai si era convinto che si trattava di cose tanto fini che lui non le poteva vedere, e perciò disse: - Sì, sì, per essere fini, sono fini davvero.
Venne poi il giorno che la moglie gli disse: - Oggi devi andare a un banchetto funebre, sotterrano quello della fattoria del nord, tu dovrai metterti i vestiti nuovi -. Il marito andò dunque al banchetto funebre, e la moglie lo aiutò a mettersi i vestiti, perché erano così fini che lui avrebbe potuto romperli se avesse fatto da solo.
Quando arrivò su alla fattoria avevano già bevuto un bel po’, e la tristezza non crebbe davvero quando lo videro con i suoi nuovi vestiti della festa, possiamo bene immaginarcelo. Ma mentre portavano al cimitero il morto, quello guardò attraverso i buchi fatti perché respirasse, e scoppiò in una risata: - Ma guarda! Adesso sì che devo schiattare dal ridere, - esclamò, - guarda, non è Ole della fattoria del sud che se ne va nudo e crudo dietro al mio funerale?
A sentir questo, la gente del corteo non mise tempo in mezzo ad aprire la cassa, e il marito che aveva i vestiti nuovi della festa chiese come mai l’altro parlasse e ridesse sdraiato lì dentro, mentre loro avevano celebrato in suo onore il banchetto funebre: sarebbe stato meglio se avesse pianto. – Il pianto non tira fuori nessuno dalla tomba, - rispose l’altro.
Parla parla, saltò fuori che erano state le mogli a combinare tutta quella faccenda. Allora i mariti andarono a casa e fecero la cosa più intelligente che avessero mai fatta in vita loro, e se c’è qualcuno che vuole sapere cosa fecero lo chieda pure alla verga di betulla.


Norse Tales
Indice

"Gervasa che non voleva mai andare a casa"
23 giu '08


"La principessa che nessuno riusciva a far star zitta"
16 giu '08


"Il compagno di viaggio"
12 giu '08


"Ceneraccio che riuscì a farsi dare del bugiardo dalla principessa"
02 giu '08


"L'onesta monetina da quattro soldi"
10 apr '06


"Ceneraccio che rubò le anatre d'argento del troll"
3 apr '05


"Mariti stupidi e mogli terribili"
15 ott '03


"Ceneraccio e i suoi bravi aiutanti"
2 lug '03


"La ricompensa del mondo"
22 mag '03


"Va sempre bene a quelli che piacciono alle donne"
26 nov '02


"Il marito che doveva badare alla casa"
11 ott '02


"Volpe Rossa e Ceneraccio"
11 lug '02


"Il prete e il sagrestano"
1 ott '01


"Pascolando le lepri del re"
17 set' 01


"Il ragazzo che andò dal vento del nord per farsi restituire la sua farina"
23 ago '01


"La fanciulla sulla montagna di vetro"
13 giu '01


"Nostro Signore e San Pietro in giro per il mondo"
13 apr '01


"Per, Pål e Espen, detto Ceneraccio"
6 apr '01



Indice rubriche