Lene.it Forum
Lene.it Forum
Home Lene.it | Profilo-Profile | Registrazione-Register | Topic attivi-Active topic | Utenti-Users | Cerca-Search | FAQ
 All Forums
 Forum
 Fan-club
 Festeggiamo i 18 anni di Playing my game!

Note: You must be registered in order to post a reply.
To register, click here. Registration is FREE!

Screensize:
UserName:
Password:
Format Mode:
Format: BoldItalicizedUnderlineStrikethrough Align LeftCenteredAlign Right Horizontal Rule Insert HyperlinkInsert EmailInsert Image Insert CodeInsert QuoteInsert List
   
Message:

* HTML is OFF
* Forum Code is ON
Smilies
Smile [:)] Big Smile [:D] Cool [8D] Blush [:I]
Tongue [:P] Evil [):] Wink [;)] Clown [:o)]
Black Eye [B)] Eight Ball [8] Frown [:(] Shy [8)]
Shocked [:0] Angry [:(!] Dead [xx(] Sleepy [|)]
Kisses [:X] Approve [^] Disapprove [V] Question [?]

 
   

T O P I C    R E V I E W
DarKlaus Posted - 19/04/2017 : 02:07:08
Apro questo topic per un'iniziativa che speriamo possa trovare la più ampia partecipazione.

Questo è un periodo che segna un compleanno importante e speciale per tutti noi, quello del nostro amato Playing my game che diventa maggiorenne. È difficile credere che sia uscito ben 18 anni fa, A Marzo in Norvegia e a partire dal 27 Aprile in varie nazioni europee.

Come ogni compleanno che si rispetti, abbiamo intenzione di festeggiarlo raccogliendo i nostri messaggi. Questo topic servirà allo scopo. In particolar modo quelli pervenuti entro il 28 Aprile saranno tradotti in inglese e pubblicati su Facebook cosicché anche Lene, destinataria del post, potrà leggerli. La pubblicazione avverrà il 1 Maggio.

Siete liberi di scrivere i vostri auguri, pensieri e ricordi purché legati a quello che è stato l'album che ha permesso a noi di conoscere la nostra Stella e a lei di diventare una parte importante delle nostre vite. Senza PMG non ci sarebbe stato tutto questo. Rendiamogli il giusto tributo!

Mi raccomando, specificate in quale modo volete che risulti firmato il vostro messaggio. Potete scegliere tra nome e cognome, iniziali puntate, il vostro nick o una combinazione arbitraria di questi.
16   L A T E S T    R E P L I E S    (Newest First)
firelink Posted - 29/04/2017 : 15:25:59
Cari ragazzi! Carissima Lene. Un ciao a tutti innanzitutto!
Sono ritardatario...ma spero pur sempre ancora in tempo.
Il susseguire delle settimane dei mesi e degli anni, lascia a tutti quanti dei segni, dei punti di svolta.
Certo che mi ricordo di quando ho ascoltato quell'album per la prima volta: conoscevo solo "Unforgivable sinner" ed ero incuriosito
da quella giovane e bella ragazza che mi sembrava così genuina, seria e così tremendamente diversa da tutte le sue "colleghe".
Quando ascoltai sul divano tutto il cd, ricordo che fu un crescendo di emozioni, una sorpresa inaspettata, qualcosa in grado di riempirmi ed appagarmi.
Una canzone più bella dell'altra, un'armonia di note ed emotività. Ricordo di aver pensato "wow, con questa artista mi sento davvero in sintonia".
Che bello sarebbe poterla conoscere, stringerle la mano, ringraziarla e dirle "continua così, la tua musica è una luce nell'anima".
Non potrò dimenticarmi di Lene nè di tutte le emozioni che mi ha regalato con la sua musica, gli incontri a Roma e a Milano (anche se io non fui in grado
di salutarla personalmente) e l'amicizia con cui, forse scioccamente, l'ho sempre sentita vicina.
Lene con PMG in particolare, è stata per me una cura emotiva. Ha rappresentato la conferma indiscussa che la musica può guarire e dare pace e amore.
Essere in grado di fare questo, per un artista, non solo significa "avere colto nel segno" ma aver manifestato il proprio sentimento, il proprio stato
d'animo e senza vergogna averlo condiviso con gli altri. Il più bello dei gesti d'amore.
Cara Lene: il mio è un grazie di cuore! Sono sempre stato in debito con te, perchè tu mi hai dato molto e io nulla!
Ti auguro una Vita felice, serena e prospera, sia artisticamente ma soprattutto nei rapporti umani con coloro, tanti, che ti amano esattamente così come sei
indipendentemente dalla tua popolarità o dalla ricchezza. Continua ad essere la ragazza altruista che non ho mai smesso di amare.
Manuel D'Andrea

P.S.: Per i ragazzi dello staff: anche voi siete sempre nei miei pensieri. Una squadra fantastica, affiatata e sempre "sul pezzo". Nulla di tutto questo supporto
a Lene sarebbe mai stato possibile senza il vostro instancabile operato. Grazie di cuore per tutto quello che avete fatto in questi anni!
Luke Posted - 28/04/2017 : 17:36:01
“I’m sitting down here, but, hey, you can’t see me”… sono già passati 18 anni da quando quelle note e quelle parole sono risuonate per la prima volta nelle mie orecchie e nella mia mente. Da quel giorno molte cose sono passate, altre sono cambiate, altre ancora sono entrate nella vita, ma il ricordo è ancora saldamente lì, indelebile. Così come incancellabili sono le emozioni che provo ogni volta che premo play e faccio ripartire il CD. Una carrellata di canzoni che sembrano ripetersi nello stesso ordine eppure sono diverse ogni volta, perché ogni volta si riesce sempre a scorgere una sfumatura, un suono, un dettaglio che ti era sfuggito in precedenza e che magari è in grado di dare nuova luce e vita al tutto. Playing my game è un album che riveste un ruolo particolare in questi 18 anni, perché mi ha fatto conoscere meglio l’artista Lene Marlin, che fino a lì avevo apprezzato (e molto) solo per Unforgivable Sinner. E poi perché lo ritengo un’opera prima assolutamente ben costruita, magistrale e quasi perfetto nel suo essere acerbo, ma con già in sé i segni di tutto il talento di un’artista. Un album in grado di farti provare emozioni che molto raramente ho provato con altri, con cui c’è stato subito un feeling profondo e intenso. Senza contare che poi è stato quello che ha dato l’inizio a tante altre cose che sono andate ben al di là della musica: incontri, amicizie che continuano ancora adesso, viaggi, avventure, risate, che custodisco fra i ricordi più belli.

Ci sarebbe ancora molto da dire, ma credo che si possa riassumere in un Grazie a te, Lene, per aver creato questo capolavoro e Buonissimo 18° compleanno a Playing my game!

Luke




"These fences we invent with what we say
These fences growing taller every day
These delicate fences
On my mind and in my way"


Marit Larsen - "Fences"
Nemo Posted - 27/04/2017 : 21:06:35
Era da un po' che non aprivo un'indirizzo di posta e guarda cosa trovo. Una newsletter di questo meraviglioso fanclub che ha concretizzato un sogno: Quello di vedere e conoscere quella giovane ragazza bionda che con la sua chitarra e le sue canzoni animava le estati del 1999.
Non mi sembra vero che sia passato così tanto tempo. Ancora domenica scorsa ne parlavo delle mie esperienze ad una mia amica e le mostravo la nostra "sezione esperienze" ricca di foto e racconti.
Loro sono e rimarranno sempre vivi nella mia memoria come le persone che ancora oggi vedo e sento.
Ricordo come fosse allora quando andai a prendere in un negozio di musica la musicassetta di Play My Game per regalarla come regalo di compleanno a mia sorella. Ebbi solo il tempo di sentirlo appena preso perchè mia sorella lo ascoltò per un sacco di tempo gelosamente nel suo walkmen. Quelle basi musicali, quella voce dolce e sottile avevano e hanno ancora oggi per me qualcosa di magico.
L'ultimo ricordo prima di una pausa che durò ben 3 anni fu quando la vidi una sera in TV al Festival della canzone di Sanremo nel febbraio del 2000. Stavo andando a letto presto quando i miei genitori mi chiamarono perchè in TV c'era la cantante che piaceva a me e mia sorella. Felice nel vederla e sentirla giurai a me stesso che l'avrei conosciuta di persona e nel Dicembre del 2004 grazie a questo fanclub il mio desiderio diventò realtà e non solo.....
Grazie Lene.it e Play My Game! Grazie Lene!
Buon compleanno!! Con la speranza che un giorno tu possa tornare a stupirci con nuove canzoni!

Stefano Nemo

manuel_87_ Posted - 27/04/2017 : 13:27:07
A volte ho quasi vergogna a raccontarlo, ma c'è una canzone di "Playing My Game" che ascolto almeno 2 volte al giorno, appena sveglio e mentre mi addormento, praticamente da quasi due decadi: ed ad ogni riproduzione terminata, quella irrefrenabile, sempre viva voglia di farla ricominciare, ancora, ancora, ancora...
E se me ne chiedono il motivo, la verità è che un motivo non c'è, come quello scalatore che alla domanda "Perché ti piacciono le montagne?", rispose: "Perché sono lì."
Tu pure, Lene, sei lì; anzi qui, qui con noi, qui per noi, da 18 anni e per sempre: grazie.
Manuel

ps e te lo faremo sapere se avrai fatto qualcosa di sbagliato, ma per il momento tutto è perfetto e tu non te ne vai...

Manuel Rossi
Knox Posted - 26/04/2017 : 19:42:12
Per me eri semplicemente "La Ragazza dai capelli blu", colpa di quel video, quell'enigmatico video che, come per magia, era sempre "in rotazione" in tutte le TV musicali. Parlo di "Unforgivable Sinner" ovviamente. La versione europea.
Purtroppo, per quanto mi riguarda, la mia personale scintilla per te Lene, scoccò solo all'uscita del terzo singolo "Where I'm Headed". E, a dire tutta la verità, solo dopo aver visto in TV il video omonimo. Non so spiegarmi bene il perchè, ma fu in quel momento che la ragazza dai capelli blu, finalmente diventò Lene Marlin Pedersen. Acquistai il tuo primo album poco dopo e... mi si spalancarono le porte in un mondo nuovo.
"Playing my game" diventò davvero la chiave per entrare in mondi lontani, dove regnano soltanto pace e serenità. Mondi in cui erano la tua dolce voce d'angelo e la tua musica celestiale a guidarmi.
La canzone che più accentuava tutto questo, era "Flown Away"(una delle mie preferite dell'album). Per il testo naturalmente, ma anche per la musica soprattutto in quella parte "sospesa nel vento"
E poi, c'è stato il fatto che tu Lene, non hai mai rivelato a nessuno il significato dei tuoi testi lasciando libera interpretazione ai tuoi ascoltatori. Così io mi immaginavo paradisiaci, lussureggianti, soleggiati mondi lontani dove potermi rifugiare, insieme e te e alla tua musica, quando, a volte, le cose non mi andavano tanto bene.
Stò parlando al passato perchè sono 18 anni che "Playing my game" è uscito, ma mi basta riascoltare i tuoi album (uno qualsiasi) per "tornare a viaggiare" in ogni momento.

Purtroppo però, come si dice, tutte le medaglie hanno il loro rovescio. Anche "Playing my game" ne ha avuto uno. Non è questo il luogo dove affrontare l'argomento, stiamo festeggiando una gioiosa ricorrenza, ma voglio solo dire una cosa. Ora che tutto è finito (perchè è finito no?), voglio dirti quanto sono orgoglioso di essere non solo un tuo fan Lene, ma orgoglioso di te come persona! Perchè hai affrontato "il buio" dentro di te, e ne hai tratto insegnamento! Lacrime e dolore sono diventati sorrisi e virtù, che poi hai divulgato alle persone che ne hanno bisogno! Se questo non fa di te un angelo, allora non so che cosa siano.

Infine una piccola curiosità da raccontare: l'ascolto di "Playing my game" per quanto mi riguarda, è avvenuto sempre allo stesso modo. Dalla prima all'ultima traccia, senza mai saltarne una, senza mai (sarebbe stato un delitto!) abilitare la modalità shuffle. Le canzoni devono necessariamente susseguirsi nel loro ordine stabilito, come tu hai voluto Lene. Chi sono io per cambiarlo?
E allora, tanti auguri di buon compleanno e te "Playing my game". Che siano lunghi giorni e piacevoli notti, tu sei musica e poesia. Il tempo passa e distrugge tutto, ma la musica come la poesia, rimarrà in eterno.

Lene, se ora avessi l'onore di trovarmi davanti a te, prenderei il mio cuore in mano e ti direi grazie. Per la tua musica, la tua voce, le tue parole, per essere tornata dopo il buio, per gli autografi e le foto con i fans, per il tuo modo di essere spontaneo, dolce e sincero. E ricordati di una cosa Lene: c'è una stella lassù nel cielo, una stella con il Tuo nome. Alza gli occhi verso di essa nei momenti meno belli, magari andrà meglio.

In ultimo, ma non di certo per importanza, un caro ringraziamento a tutti gli amici di lene.it che non si sono mai fermati con la loro opera. E questa iniziativa ne è testimone. Molti tra siti/fanclub di Lene in tutti questi anni si sono perse le tracce, ma lene.it è ancora al suo posto, al fianco di Lene Marlin Pedersen. Grazie.



Firmato:
Claudio (Knox) da Roma.





Verdeggianti pianure sconfinate, rigogliose terre incontaminate di mondi lontani. Ma anche la maestosità del mare. Mare aperto, dove è facile perdersi. Naufragare piacevolmente nelle rassicuranti profondità oceaniche dei tuoi occhi.
Lene, i'm lost in you....
barbarava Posted - 26/04/2017 : 15:30:38
Dimenticavo anch'io di indicare la firma con cui desidero apparire:

Adamo_FE

Grazie!

Adamo_FE
DarKlaus Posted - 25/04/2017 : 21:15:37
Che bello rileggervi!
Mancano pochi giorni. Chissà chi altro tornerà all'ovile...
Len Posted - 25/04/2017 : 19:17:55
E allora BUON COMPLEANNO PMG!!
Ogni volta tornare a scrivere qui suscita sempre emozioni particolari, se poi è per un'occasione speciale come questa ancor di più.
Difficile condensare in poche righe ciò che PMG ha rappresentato per me, vorrebbe dire mettere per iscritto emozioni e sentimenti molto intensi e personali, ma sicuramente è un album che rimarrà sempre in cima alle mie preferenze per tutto quello che è riuscito a creare nella mia vita.
10 canzoni ognuna con una potenza esplosiva enorme nonostante la loro calma armoniosa, 10 canzoni che hanno saputo alleviare il mio animo in tanti momenti diversi, 10 canzoni che mi hanno permesso di conoscere una comunità di persone con cui ho condiviso momenti e ricordi preziosissimi che tuttora conservo con cura.
10 canzoni che mi hanno fatto amare ed incontrare un'artista straordinaria, a cui ancora oggi va la mia gratitudine e e tutto il mio rispetto.

Grazie Lene per aver permesso tutto questo, e ancora AUGURI PLAYING MY GAME!!!


--EDIT--------- Dimenticavo, la mia firma può tranquillamente essere il mio nick: Len


Len
You live inside of me Lene..
Le persone cambiano e si dimenticano di avvisare gli altri. ....VIVI E LASCIA VIVERE!!
Vivo lassù..senza limiti di spazio,senza limiti di tempo..sono uno spirito libero nessuno potrà mai conquistarmi..a meno che non si presenti sotto forma di pizza!!^^ -Nuvola-
..CHE ANDARE VA BENE PERO' A VOLTE SERVE UN MOTIVO.. (Liga)

AMO GLI HUSKY!!!! e presto avrò il mio Buck!
barbarava Posted - 25/04/2017 : 12:01:08
Acqua di sorgente. Una carezzevole brezza di aria fresca in una torrida giornata estiva. Sono le immagini che mi viene spontaneo associare all’idea del disco d’esordio di Lene; alla sua spontaneità e genuinità. Perché un album così, ma sarebbe meglio dire, un’artista come Lene, l’aspettavo da sempre. Come forse molti di voi che mi leggete, m’innamorai dell’autrice prima ancora che della sua musica: rimasi profondamente affascinato dalla semplicità di questa ragazza che sembrava quasi inconsapevole della sua eterea bellezza, aveva uno sguardo mite e dolce ed affermava con candore di scrivere le sue canzoni nell’intimità della sua cameretta. In queste composizioni cantava di sogni, sensazioni, del suo vissuto di adolescente: situazioni in cui tanti di noi potevano riconoscersi. Nulla, in Lene e in Playing My Game, faceva pensare alla popstar costruita a tavolino; al prodotto ‘furbo’ confezionato al solo scopo di sbancare le classifiche: ma proprio per questo fu un successo! Amammo Lene perché la sentimmo da subito ‘una di noi’; perché le sue emozioni erano anche le nostre!

Ridendo e scherzando sono trascorsi già quasi due decenni… mi sto rigirando tra le mani il CD di PMG, che conservo, ovviamente assieme all’intera discografia di Lene, nello scaffale ‘nobile’ della mia collezione. Il plexiglass non presenta il minimo graffio; ho estrema cura di tutti i miei dischi, ma è evidente che a questo debba avere riservato qualche attenzione in più!... Dalla copertina, Lene mi guarda con dolcezza, un occhio seminascosto da una ciocca di capelli biondi; un’immagine delicata che ogni volta mi emoziona come fosse la prima! Ripenso ai tanti momenti trascorsi in compagnia di questo album: dovessi festeggiare un successo, o risollevarmi il morale, ‘lui’ c’era, e mi aiutava sempre ad esaltare il momento o a... 'lenire' il dolore! Ricordo una sera d’estate in cui, al culmine dello sconforto per una delusione d’amore, presi la macchina e corsi in perfetta solitudine verso il mare: accesi lo stereo, e dopo le prime strofe di 'Sitting Down Here' il momento peggiore mi sembrava già alle spalle!

Sono particolarmente affezionato a due brani: 'Flown Away' e 'A Place Nearby'. Il primo esprime al meglio l’anima sognatrice e romantica di Lene; il secondo, davvero toccante all’ascolto, è mirabile prova di una sensibilità non comune: nel raccontare di una persona cara che si sta spegnendo, la voce di Lene è appena percettibile, un filo; in un passaggio si ha quasi l’impressione di cogliervi un leggero tremolio, a testimonianza di una fortissima emozione, e di un’assoluta sincerità. Ecco, questo vorrei lasciare come considerazione finale: Playing My Game e Lene sono qui a ricordarci che essere autentici e sinceri, nell’arte come nella vita, è doveroso ed è sempre un valore!
Ringrazio tutti voi, ragazzi di Lene.it, per avermi dato la possibilità di esprimermi con queste mie modeste considerazioni. E naturalmente, last but not least, invio un caro abbraccio a Lene: sento la mancanza della sua musica, ma per me la sola cosa veramente importante è che le attività cui è attualmente dedita siano quelle che più d’ogni altra possano renderla felice.


Adamo
Ryu Posted - 23/04/2017 : 18:01:51
Sono passati 18 anni. Come passa il tempo! Eppure a me sembra ieri, quando per la prima volta ascoltai per radio Unforgivable Sinner. Subito mi innamorai di quella voce, così dolce, così soave, così fantastica. Andai subito a informarmi su internet e scoprii che si trattava di Lene Marlin, una giovane artista norvegese. Scoprii che Unforgivable Sinner era il primo singolo di un album che andai immediatamente ad acquistare e ad ascoltare. Un album fantastico, mai ne avevo ascoltato uno così prima. Mi innamorai di ogni singola canzone di quell'album, di ogni singola nota, di ogni singolo testo. Ascoltavo e riascoltavo Playing My Game ininterrottamente, ogni giorno. Mi innamorai di quella cantante venuta dal nord e che, scoprii, nonostante la sua giovane età, componeva canzoni a dir poco splendide in grado di farmi tornare il sorriso nei momenti di difficoltà, in grado di provocarmi emozioni bellissime, in grado di rilassarmi, in grado di farmi sognare. A distanza di 18 anni, spero sempre che un giorno io possa leggere la notizia del ritorno di Lene. Oggi come allora la musica di Lene continua a provocarmi le stesse emozioni. A distanza di 18 anni, continuo ad ascoltare Playing my game e gli altri suoi album così come facevo all'inizio. Mettendo le cuffie. Chiudendo gli occhi. Iniziando a sognare...
Grazie di esistere Lene!

EDIT: L'hoo già detto via mail, ma lo scrivo anche qui per sicurezza: per quanto riguarda la pubblicazione, usare Ryu come firma ;)
Yulaiho Posted - 22/04/2017 : 12:39:24
quote:
Originally posted by DarKlaus
Ma dai... Congratulazioni!
Col mio passato "burrascoso" () non sentirei di rientrare nei ringraziamenti di molti, ma mi (e penso di poterlo dire a nome di tutto il sito) fa piacere sapere che al di fuori di qui tante amicizie si siano mantenute e leggere che a qualcuno sia andata perfino tanto bene. Se ce lo aveste fatto sapere vi avremmo fatto gli auguri in homepage. E poi dicono mai 'na gioa...



Caro DarKlaus, grazie! Eh, al tempo non ci ho pensato purtroppo... ma grazie del pensiero!
Durante i miei anni di frequentazione del forum ero giovane e spensierato, per questo anche tra di noi abbiamo avuto qualche battibecco ma sappi che ti ricordo con affetto!

________________________
There's a day I never will forget.
The day we met, when we met
DarKlaus Posted - 22/04/2017 : 00:29:13
quote:
Originally posted by jgohan


Non posso non essere deluso, dal fatto che ad oggi io non sappia nemmeno cosa professionalmente stia facendo Lene, e se addirittura si guadagni ancora da vivere componendo musica. Purtroppo, e lo dico con rammarico, una delle ragioni è data dal fatto che la sua carriera non sia continuata a livello internazionale.



Ciao Jonathan. Premesso che non ho intenzione di censurare nessuno, lo scopo dell'iniziativa credo fosse chiaro: omaggiare Lene attraverso i nostri pensieri su PMG, mostrandole che quello che ha pubblicato dieci anni fa ha avuto e ha tuttora una grande influenza su di noi, che ci ha regalato emozioni, ricordi indelebili e ha fatto anche sì che cose belle ci accadessero. Come spiegato tradurremo i messaggi perché anche Lene possa leggerli. Per fortuna esiste la libertà di parola ma c'era proprio la necessità di scrivere quella parte così critica in un contesto che dovrebbe essere festoso, sapendo che i messaggi saranno peraltro recapitati a lei?
Mi pare come fare gli auguri a una persona importante rinfacciandole le proprie mancanze...

Quanto al contenuto delle tue critiche posso dirti che la carriera di Lene non è mai uscita dall'ambito internazionale. Tutti i suoi dischi sono stati pubblicati in Italia e in altre nazioni, tranne quella specie di best of uscito solo in Norvegia in occasione della partecipazione a Hver gang vi motes. Purtroppo è il successo che è andato calando drasticamente. Dal 2009 non ha distribuito altro, a parte il rifacimento di Unforgivable Sinner, ma sappiamo che non ha abbandonato la musica. Sono state recuperate diverse sue canzoni inedite e sappiamo che ha scritto per altri cantanti. E poi sappiamo quali sono state le sue attività più recenti in ambito sociale e quali saranno i suoi possimi impegni a The Voice. Sono tutte notizie che nel tempo abbiamo riportato nelle nostre news.
DarKlaus Posted - 21/04/2017 : 23:15:30
quote:
Originally posted by Yulaiho
colgo l'occasione per ringraziare tutta la community di Lene.it, dove ho trovato gli amici più importanti con cui sono cresciuto (e dove ho trovato la persona che sarebbe diventata mia moglie!).



Ma dai... Congratulazioni!
Col mio passato "burrascoso" () non sentirei di rientrare nei ringraziamenti di molti, ma mi (e penso di poterlo dire a nome di tutto il sito) fa piacere sapere che al di fuori di qui tante amicizie si siano mantenute e leggere che a qualcuno sia andata perfino tanto bene. Se ce lo aveste fatto sapere vi avremmo fatto gli auguri in homepage. E poi dicono mai 'na gioa...
Gaga Posted - 20/04/2017 : 22:13:42
18 anni? Io è almeno 2 anni che non posto nulla qua... cmq... mi innamorai di Lene e delle sue canzoni al primo ascolto di Unforgivable sinner! Limitandomi al primo album...non so dire se sia il migliore, sicuramente è il più ingenuo, nel senso di puro, genuino, già comunque maturo per essere stato scritto e coposto da una allora poco più che ragazzina! Mi ricordo che andai a cercare le traduzioni dei testi, poco dopo gli albori di internet, mi deluse una maccheronica traduzione di Playing my game che diventava "comportandosi bene"... io rimasi federe ala traduzione letterale. Il brano che preferii in assoluto, ora come allora, rimase e rimane tutt'ora "Maybe I'll go", un testo assai ricco e complesso, su una linea melodica semplice ma non banale, molta chitarra, qualcosa di pianoforte più intenso nel finale, 3 accordi ma proprio 3 che si ripetono come sequenza all'infinito... potenzialmente banale ma in realtà lentamente incalzanti ed ipnotizzanti, una vera forza della natura. COs'altro aggiungere... dopo mesi di pausa mi ricapita di ascoltare tutta la discografia per giorni interi, riprovando le stesse sensazioni ed emozioni, forse un poco più malinconiche, sicuramente in maniera più matura e consapevole, ma sono le stesse identiche!
Lene mi ricordo che anni fa ti erano stati recapitati dei messaggi di numerosi utenti di questo bellissimo forum, e che in una tua risposta diretta di ringraziamento avevi nominato pure me!

http://www.gabriele-fabbri.it
Yulaiho Posted - 20/04/2017 : 21:59:09
Ciao a tutte e a tutti; ciao Lene! :)

Tantissimi auguri a Playing My Game ed alla sua amorevole mamma Lene!
Quanto tempo è passato dalla prima volta che sentii la magica canzone "Unforgivable Sinner"... canzone (e poi album) che mi hanno aiutato tanto a superare momenti difficili, ma che mi hanno anche accompagnato piacevolmente in altrettante situazioni gioiose. Un album da ascoltare con le cuffie, con solo Lene a tenermi per mano, ma anche da ascoltare insieme agli amici più cari. Se è vero che ho avuto la fortuna di ascoltare con lo stesso spirito anche gli album successivi, Playing My Game è stato per me il più significativo, quello che ha dato inizio a tutto: colgo l'occasione per ringraziare tutta la community di Lene.it, dove ho trovato gli amici più importanti con cui sono cresciuto (e dove ho trovato la persona che sarebbe diventata mia moglie!). Nulla di tutto questo sarebbe stato possibile senza Lene.it, che a sua volta non sarebbe stato lo stesso senza la magia di Playing My Game, un meraviglioso album senza tempo, che ora riascolterò per festeggiare! Grazie Lene.
Yulaiho

________________________
There's a day I never will forget.
The day we met, when we met
jgohan Posted - 20/04/2017 : 13:52:45
18'anni sono volati, non posso non ricordare il giorno in cui andai a Milano, per incontrare Lene, che per l'occasione si era resa disponibile a rilasciare autografi. Io portai il mio dvd di playing my game da firmare, che se non ricordo male conteneva i video dei singoli più popolari di Lene. E' stata la prima e unica volta che mi impegnai per incontrare un artista, seppur nel tempo che è trascorso ho amato molte altre canzoni di altrettanti artisti. Non posso non essere deluso, dal fatto che ad oggi io non sappia nemmeno cosa professionalmente stia facendo Lene, e se addirittura si guadagni ancora da vivere componendo musica. Purtroppo, e lo dico con rammarico, una delle ragioni è data dal fatto che la sua carriera non sia continuata a livello internazionale. Sicuramente l'avrei seguita tutt'ora. Ma come per tutti in quasi vent'anni di vita le cose cambiano, cambiano gli interessi e si vuole scoprire e fare nuove cose. Ammiro la longevità di questo fan club, nonostante non sia stato alimentato da sufficienti novità per restare aperto, con mia grande sorpresa lo è ancora. Io nonostante il tempo passato, ho ancora le canzoni di Lene nella mia playlist, tra le novità e gli artisti più recenti, e non nascondo il fatto, di sentire il bisogno di andare a riascoltare le sue canzoni che seppur hanno sempre avuto un alone di tristezza, per me sono state e sempre saranno evocative di alcuni tra i più bei momenti della mia vita. Grazie Lene.
Jonathan

Lene.it Forum © Go To Top Of Page
0.27 sec. Snitz Forums 2000