Lene.it Forum
Lene.it Forum
Home Lene.it | Profilo-Profile | Registrazione-Register | Topic attivi-Active topic | Utenti-Users | Cerca-Search | FAQ
 All Forums
 Forum
 Altri temi
 Off-topic in libertà - Anni 2009-2017

Note: You must be registered in order to post a reply.
To register, click here. Registration is FREE!

Screensize:
UserName:
Password:
Format Mode:
Format: BoldItalicizedUnderlineStrikethrough Align LeftCenteredAlign Right Horizontal Rule Insert HyperlinkInsert EmailInsert Image Insert CodeInsert QuoteInsert List
   
Message:

* HTML is OFF
* Forum Code is ON
Smilies
Smile [:)] Big Smile [:D] Cool [8D] Blush [:I]
Tongue [:P] Evil [):] Wink [;)] Clown [:o)]
Black Eye [B)] Eight Ball [8] Frown [:(] Shy [8)]
Shocked [:0] Angry [:(!] Dead [xx(] Sleepy [|)]
Kisses [:X] Approve [^] Disapprove [V] Question [?]

 
   

T O P I C    R E V I E W
DarKlaus Posted - 03/01/2009 : 13:21:15
Questo topic è dedicato agli interventi che non presuppongono una vera discussione e alle segnalazioni fini a se stesse (Punto 10 del Regolamento).


I precedenti topic sono disponibili in sola lettura ai seguenti link:

Off-topic in libertà - Anno 2008
Off-topic in libertà (nov. 2004 - dic. 2007)
20   L A T E S T    R E P L I E S    (Newest First)
Knox Posted - 20/06/2020 : 20:31:11
Tu che passi, ricorda che oggi è il 20 Giugno.
Sono passati. Già sono soltanto passati, trascorsi, filati e andati via... che ci vuoi fare...15 anni.
Quindici anni. Quindici.
15.



Verdeggianti pianure sconfinate, rigogliose terre incontaminate di mondi lontani. Ma anche la maestosità del mare. Mare aperto, dove è facile perdersi. Naufragare piacevolmente nelle rassicuranti profondità oceaniche dei tuoi occhi.
Lene, i'm lost in you....
DarKlaus Posted - 22/12/2017 : 16:55:09
È perché Lene.it è su protocollo http che non essendo criptato può essere soggetto ad attacchi come ti dice pure Chrome. Vale per qualsiasi sito sul medesimo protocollo.
Il guestbook sarà ripulito nuovamente prima o poi.
Knox Posted - 19/12/2017 : 19:43:05
Cmq, Chrome mi dice che lene.it non è sicuro!
https://drive.google.com/file/d/13UrCtXElGzPmwjbv68XmGr3zwm-ErgFI/view?usp=sharing
Bhò...

E poi vabbè, c'è il Guestbook che è diventato un luogo da spammatori professionisti! Ma non è meglio eliminarlo?? Tanto ormai...



Verdeggianti pianure sconfinate, rigogliose terre incontaminate di mondi lontani. Ma anche la maestosità del mare. Mare aperto, dove è facile perdersi. Naufragare piacevolmente nelle rassicuranti profondità oceaniche dei tuoi occhi.
Lene, i'm lost in you....
Pegasus_TDCi Posted - 08/08/2017 : 20:30:00
Ok, mi sa che non le passa... :D

https://twitter.com/Chiara_Galiazzo/status/894937615857848320
Pegasus_TDCi Posted - 07/08/2017 : 22:27:58
Lo metto qui perché è una piccola cosa, anche se mi ha svoltato la giornata:

https://twitter.com/Chiara_Galiazzo/status/894309068768243713

A cui aggiungiamo una instagram story in cui Chiara in macchina con You Weren't There sotto che fa per accennarla e poi "Ragazzi, ma quanto ci piaceva Lene Marlin?"
Pegasus_TDCi Posted - 15/09/2013 : 16:08:37
Come quella volta che uno l'aveva incontrata al mare in Calabria? Mmmh :P (oh, se l'ha incontrata davvero, fortunello lui).
Knox Posted - 14/09/2013 : 21:07:48
Tecnicamente bisognerebbe indagare, però non so...
https://twitter.com/marci19061/status/378903448257040384



Verdeggianti pianure sconfinate, rigogliose terre incontaminate di mondi lontani. Ma anche la maestosità del mare. Mare aperto, dove è facile perdersi. Naufragare piacevolmente nelle rassicuranti profondità oceaniche dei tuoi occhi.
Lene, i'm lost in you....
Knox Posted - 09/09/2013 : 20:04:26
Salve gente !
Vi ricordate per caso quei vecchisssssssimi giochi "meccanici" dove bisognava guidare la pallina fino al traguardo senza farla cadere nei buchi lungo il percorso ???

Tipo questo ?


Quì si vede meglio!


Bene, allora. Se avete Google Chrome andate quì:

http://chrome.com/maze/?http%3A%2F%2Fwww.lene.it%2Fit%2Findex.asp

Copiate e incollate l'url dal grassetto dell'HTTP all'ASP

This is a Chrome Experiment !




Verdeggianti pianure sconfinate, rigogliose terre incontaminate di mondi lontani. Ma anche la maestosità del mare. Mare aperto, dove è facile perdersi. Naufragare piacevolmente nelle rassicuranti profondità oceaniche dei tuoi occhi.
Lene, i'm lost in you....
Knox Posted - 11/07/2012 : 21:14:41
Purtroppo Twitter è anche questo...


Verdeggianti pianure sconfinate, rigogliose terre incontaminate di mondi lontani. Ma anche la maestosità del mare. Mare aperto, dove è facile perdersi. Naufragare piacevolmente nelle rassicuranti profondità oceaniche dei tuoi occhi.
Lene, i'm lost in you....
Knox Posted - 21/02/2012 : 16:22:23
Anved!
Prova post from TV Sony Bravia KDL-46HX920 Che casino scrivere con il telecomandoooo!!!! bye!



Verdeggianti pianure sconfinate, rigogliose terre incontaminate di mondi lontani. Ma anche la maestosità del mare. Mare aperto, dove è facile perdersi. Naufragare piacevolmente nelle rassicuranti profondità oceaniche dei tuoi occhi.
Lene, i'm lost in you....
Domle Posted - 28/11/2011 : 17:13:27
Anche quest'anno ci sono da proporre le nominations per votare la personalità dell'anno di Tromsø.
Ricordiamo i precedenti vincitori:

1986 Renholder Ivanna Pedersen
1987 Artist Jørn Hoel
1988 Ingeniør Bjarne G. Nilsen
1989 Forfatter Arthur Arntzen
1990 Artist Steinar Albrigtsen
1991 Ordfører Erlend Rian
1992 Verdensmester Anita Andreassen
1993 Professor Arne Nordøy
1994 Fotballspiller Sigurd Rushfeldt
1995 Bryter Stig A. Hansen
1996 Tromsø Idrettslag
1997 Olav Aakre
1998 Pensjonist Margot Lorentsen
1999 Artist Lisa Stokke
2000 Eks-rådmann Wiggo Fjellberg
2001 Audiograf Camilla Sørensen
2002 Professor Trude Haugli
2003 Frivillighetsarbeider Mossa Brandt
2004 Eldregeneral Bitten Barman-Jenssen
2005 71 grader Nord-vinner Eivind A. Segtnan
2006 Fjellfyrverkerigjengen
2007 Bragerevyen
2008 Laila Lanes og Jan Henry T. Olsen
2009 Lege Mats Gilbert
2010 Trond Mohn


kalene Posted - 28/10/2011 : 18:20:58
mi e e' dispiaciuto molto per simoncelli,riposa in pace SIC :(


Una Lene pensierosa...
DarKlaus Posted - 23/10/2011 : 12:46:19
Ero convinto che l'anno prossimo potesse puntare al titolo.
Ci sono rimasto troppo troppo male.

david8321 Posted - 23/10/2011 : 11:49:32
http://www.gazzetta.it/Motomondiale/MotoGP/23-10-2011/malesia-drammatico-incidente-803402960357.shtml

Un incidente spaventoso,l'ho visto in diretta,ha portato alla morte di Marco Simoncelli durante il GP di Malesia...davvero un brutto colpo.
Knox Posted - 03/10/2011 : 20:41:57
Unforgivable Sinner (Ignoto) Remix

Diciamo che parte bene poi, si perde...


Verdeggianti pianure sconfinate, rigogliose terre incontaminate di mondi lontani. Ma anche la maestosità del mare. Mare aperto, dove è facile perdersi. Naufragare piacevolmente nelle rassicuranti profondità oceaniche dei tuoi occhi.
Lene, i'm lost in you....
Marko Posted - 27/09/2011 : 21:22:39
A luglio i Queen hanno celebrato 40 anni di attività e a novembre sono 20 anni che è morto Freddie Mercury, ma ancora c'è chi tenta di imitare la sua inimitabile voce, ogni volta riaccendendo la speranza di un "nuovo Freddie".
Ecco l'ultimo fenomeno: http://video.corriere.it/nuovo-mercury-esalta-rete/3bb0dc1e-e8e4-11e0-ba74-9c3904dbbf99
La mascella è sicuramente la stessa e chissà se non sia proprio quel mascellone a permettere una risonanza particolare :D
La voce è quanto di più vicino si sia sentito, meglio anche di George Michael (come somiglianza, non come interpretazione, anche perché George non tentava di fare la stessa voce di Freddie). Tuttavia manca quella "ruvidezza" intensa capace di far tremare le casse, anche perché il ragazzo non si impegna al massimo, mantenendosi su una scala più bassa.
Però dovrebbero dargli una chance e testare la sua resistenza su un repertorio di diverse canzoni.


- Jeg har lyst til å dra på en mat-og vinturné i Italia
Marko Posted - 18/08/2011 : 21:40:33
Ho ripreso i manuali universitari e Mill è annoverato tra i classici della teoria economica del capitalismo, anche se come colui che sosteneva la necessità di una sua riforma in senso socialista.
Le sue posizioni sull'istruzione, sull'utilità dei sindacati e sulla parità uomo-donna nella retribuzione lavorativa sono attualissime e a volte profetiche. E' davvero istruttivo leggere questo autore di metà Ottocento che avrebbe ancora qualcosa da insegnare anche ai nostri politici, oltre che a tutti i regimi ingiusti che regnano attualmente.
Ma tornando alla redistribuzione della ricchezza, Mill sostiene che le leggi che regolano la proprietà "non hanno promosso un giusto equilibrio tra gli esseri umani, ma hanno accumulato tutti gli ostacoli su alcuni per mettere in condizioni di vantaggio altri; esse hanno di proposito alimentato le disegualgianze e hanno impedito che tutti gli uomini iniziassero in condizioni di parità la loro gara nella vita", perciò (e anche perché afferma esplicitamente che "non riconosco come giusto, né salutare uno stato sociale nel quale vi sia una qualsiasi "classe" che non lavori, o un qualsiasi essere umano che sia esente dal sostenere la propria parte delle fatiche necessarie alla vita umana, salvo gli inabili e coloro i quali hanno meritato il riposo") propone una limitazione delle proprietà che si possono ricevere per lascito o eredità: "...preferirei limitare non quello che si può lasciare in eredità, ma quello che si può acquistare per lascito o eredità. Ognuno dovrebbe avere il potere di disporre con testamento di tutta la sua proprietà, ma non di prodigarla per arricchire un singolo individuo al di là di un certo limite, che dovrebbe essere fissato in misura tale da offrire i mezzi di un'agiata indipendenza". E ancora: "Se vi sono discendenti i quali, non essendo in grado di provvedere a se stessi, potrebbero diventare un onere per lo Stato, dev'essere riservato loro, della proprietà, l'equivalente di quello che lo Stato accorderebbe loro. Nel caso di morte intestata, tutta la proprietà dovrebbe essere avocata allo Stato, il quale sarebbe tenuto a disporre in misura giusta e ragionevole per i discendenti, ossia nella misura in cui il genitore o ascendente avrebbe dovuto fare".
Per quanto concerne la proprietà fondiaria, sostiene che, poiché "nessun uomo ha fatto la terra", qualsivoglia diritto in materia, salvo chi produca dei miglioramenti col proprio lavoro, può sussistere in quanto sia riconosciuto opportuno, cioé se colui che possiede la terra ottiene da essa un raccolto adeguato nell'interesse della collettività nel suo insieme. Perciò per le terre non coltivate non si potrà addurre una buona ragione perché esse siano di proprietà privata.
Comunque, secondo Mill e i successivi neoclassici, la concentrazione di ricchezze eccessive nelle mani di pochi, smentendo le ipotesi secondo cui lasciando fare il mercato si raggiungono posizioni ottimali di benessere, porterebbero al cd. "fallimento del mercato" e dunque alla necessità di intervento statale (attraverso imposte sui redditi e sui patrimoni). E' proprio quello a cui siamo arrivati oggi! Mi sembra una previsione precisa e impeccabile.


- Jeg har lyst til å dra på en mat-og vinturné i Italia
Marko Posted - 17/08/2011 : 14:12:30
Sweenetto, ti faccio presente che non sono uno dei tuoi studenti cui devi correggere il compito frase x frase.
Mi sembra evidente che il mio discorso era "opinionistico" e non tecnico, non ho certo la tua preparazione in materia, anche se qualcosina l'ho studiata: ho sostenuto un esame di Economia politica anni fa (e ancora mi devono spiegare cosa c'entri la macroeconomia con la giurisprudenza) e anche un esame (in realtà erano 3 in 1) di scienza delle finanze, la cui parte teorica ho trovato interessante in quanto simile alla filosofia. In fondo, come dicevo ognuno propone le sue ricette, ma nessuna potrà mai essere completa, appunto come nelle costruzoni filosofiche, perché sono troppe le variabili in gioco, a partire dal modo in cui reagisce l'essere umano e quindi il corpo sociale a determinati accadimenti.
Cmq per farla breve, quanto al fallimento delle imprese (non direttamente per via della perdita di valore in Borsa, ma indirettamente sì) qui uno degli ultimi preoccupanti articoli a riguardo. Chiaro che la finanza, la borsa è poco reale di per sé, ma ha ripercussioni molto reali e rapide su chi investe.
Riguardo al libero mercato, mi riferivo proprio a Stuart Mill (non Mills, quello è l'"amico" di Berlusconi) perché ricordo di aver letto spezzoni della sua opera di economia politica e quello che mi colpì era la sua convinzione -nonostante lui fosse un teorico del libero mercato, e in generale del non-interventismo dello Stato nella libera azione dell'individuo, se non in casi specifici e necessari- che periodicamente si dovesse attuare una redistribuzione della ricchezza per far fronte agli squilibri sociali che si producevano (ben più di un "contributo di solidarietà", e si lamentano anche!) Quindi mi dissi: se questo è il pensiero di uno dei fondatori dell'economia liberista o capitalismo (se così si può dire) allora siamo ben lontani da quei concetti come oggi li si vuole far passare. Ora, per la verità, controllando le date anagrafiche degli altri autori da te citati (con cui pure ebbi a che fare qlc nei miei esami) mi rendo conto che Mill è venuto dopo, e tuttavia viene considerato un liberale, anche se si sostiene che ha portato a un connubio con le idee socialiste. Ecco spiegato perché mi aveva colpito il suo pensiero, che in ogni caso trova posto tra i grandi nel panorama del capitalismo teorico, no? Per una distinzione tra quest'ultimo e il capitalismo estremo a cui mi riferivo, ho trovato un articolo del sito Disinformazione che condivido appieno.
Sul fatto che i mercati sono "fuori controllo", intendevo proprio che non hanno ancora una regolamentazione, nonostante se ne parli da tanto come necessaria. Proprio ieri il nuovo vertice Germania-Francia sembra finalmente + deciso ad andare in questa direzione per l'UE, con un vero governo economico europeo (Eurocouncil), che dovrebbe essere composto dai capi di stato e governo europei.. secondo me dovrebbe essere composto dai ministri dell'economia e delle finanze!
Infine sull'euro, mi sono espresso male ma ciò che intendevo dire è quanto tutti hanno potuto constatare, anche in questo caso al di là dei tecnicismi. Ovvio che alle valute è stato assegnato un valore preciso nei confronti dell'euro: il cambio della lira, ricordo bene, è 1936,27. Ma perché allora un chilo di pane, che dalle mie parti più o meno era tra 1.800 e 2.500 lire, in media 2.000 lire, non è stato venduto a un euro? Capisco gli aumenti nel passare degli anni (anche se l'euro dovrebbe servire tra le altre cose proprio a limitare l'inflazione) ma passare in poco tempo da 1 a 2 euro per un chilo di pane -e questo vale per tante altre cose- è ciò con cui i commercianti, specie quelli grossi (li ho chiamati affaristi) hanno squilibrato il mercato interno e impoverito le persone già più povere. Aumenti ingiustificati, specie se si considera che il prezzo delle materie prime non aumentava. Ora trovo il pane comune tranquillamente a 3 euro al chilo, ma dico scherziamo, oltre 5mila lire? C'è tuttavia anche chi fa produzione propria ed è capace di metterlo ancora a 1 euro: sembra un miracolo poter acquistare tanto pane con un euro, eppure è quello che facevamo prima. Adesso invece ci hanno abituati a vivere decisamente al di sopra le nostre possibilità, e da qui si generano i sempre maggiori indebitamenti (dei privati e degli Stati). Il mio è sempre un discorso "opinionista", ma credo di non sbagliarmi poi di tanto nei concetti di fondo.


- Jeg har lyst til å dra på en mat-og vinturné i Italia
Domle Posted - 12/08/2011 : 18:27:25
Per questi argomenti di solito seguo il trader che scrive sotto pseudonimo del fatto quotidiano
http://www.facebook.com/pages/superbonus/127288184015952
e meno aggiornato http://www.superbonus.name/

Cmq BELLA SWEENETTOOOOOOOOOOOOOOOOOO :D


sweenetto Posted - 11/08/2011 : 08:54:47
Ciao ragazzi,

e' da un sacco che non mi faccio vivo, per un sacco di motivi (principalmente perche' lavoro un sacco).

Ho controllato il forum di recente, anche per sapere un po' di Lene dopo i massacri di Oslo e Utoya. E perche' tra due settimane saro' li' per lavoro. Penso sara' un'esperienza molto forte. E forse molto triste.

Mi sembra che la situazione del forum sia abbastanza in stallo. Purtroppo Lene ha deciso di intraprendere questa vita di silenzio e poco lavoro, ma si puo' solo rispettare questa sua decisione. Pero' peccato. Davvero.

Ho letto questo post di Marko, e il mio lato piu' geek mi ha 'imposto' di rispondere.

quote:
Originally posted by Marko

Cose di pazzi, ormai i mercati sono del tutto fuori controllo. Bastano delle "voci" per far bruciare decine di miliardi e fallire imprese intere.


No, le imprese non falliscono. E' solo il valore delle azioni che si riduce. L'unica conseguenza e' che gli azionisti diventano piu' poveri.
Non mi e' mai piaciuta l'espressione "si brucia": in realta' non si brucia nulla, quanto meno nulla di reale. La valorizzazione dei titoli di borsa e' pur sempre nominale.

E i mercati non sono fuori controllo. Sono solo molto attenti a ogni possibile novita', che puo' contraddire le aspettative e le informazioni che avevano.
Meglio, se sono fuori controllo ora, lo erano anche dieci anni fa quando le borse crescevano tantissimo.

quote:

Milano in un giorno crolla di oltre il 6 e mezzo per cento, mi pare che solo dopo l'11 settembre si sia fatto di peggio, ma lì almeno c'era una ragione al "panico".


In realta' il panico attuale e' forse piu' fondamentale di quello causato dal 9/11.
Adesso c'e' in ballo la sopravvivenza dell'Euro stesso. E la situazione e' davvero molto imprevedibile ed instabile. Se l'Euro muore non e' davvero chiaro cosa possa succedere e cosa possa soppiantarlo. Soprattutto nelle economie piu' deboli, compresa quella Italiana.

E' (anche) per questo che siamo sotto attacco. Se l'Euro si sfalda gli investitori non credono che la classe dirigente Italiana sia in grado di gestire la politica fiscale (quindi il debito pubblico) e la politica monetaria in un modo sensato.

L'unico modo di 'convincerli' a rischiare e' dandogli dei tassi di rendimento piu' elevati, che spiega il differenziale enorme con la Germania.

quote:

Si mostra ormai tutta la debolezza del "sistema" basato sul libero mercato, ossia il capitalismo spinto agli estremi, che non è certo il capitalismo come era stato inteso dai suoi teorici.


Non sono d'accordo. 1) Perche' i teorici del libero mercato (Mills, Jevons, Smith, Ricardo, Bentham e tutta la scuola Austriaca piu' di recente) sono per una versione del capitalismo ancora piu' spinta di quella che viviamo noi, 2) Perche' dei periodi di instabilita' e crisi fanno parte della vita normale delle economie.

Detto questo, sono ormai quattro anni che praticamente tutti gli economisti con un minimo di senso (e sono davvero tanti) chiedono una regolamentazione dei mercati finanziari che sia piu' stretta ed incisiva. Purtroppo questi discorsi la politica non ha avuto la forza, il coraggio o l'interesse di affrontarli. In Italia come negli US, come piu' o meno dovunque.

quote:

Ci sono troppe persone che stanno dando troppe ricette ma nessuno sa veramente bene cosa fare.


Questo e' vero fino ad un certo punto. Si sanno alcune cose da fare, ma politicamente non c'e' quasi nessun governo in giro che e' cosi' forte e/o non interessato semplicemente ad essere rieletto tra qualche anno, quindi anche queste cose non vengono fatte.
Ad esempio, la riforma delle pensioni e' inevitabile. Piu' si aspetta e piu' il problema diventa ingestibile.

quote:

Io credo che se non si ricominciano a mettere dei paletti veri al sistema bancario ed economico, rimettendo i piedi per terra sui temi reali dell'economia piuttosto che su titoli volatili, si bruceranno presto le ricchezze di interi Paesi accumulate troppo in fretta negli ultimi anni.


Si' e no. Quello che scrivi e' troppo generico.

La regolamentazione dei mercati finanziari e' uno dei temi piu' discussi e che dovra' essere effettuata.

Mentre con "le ricchezze di interi Paesi accumulate troppo in fretta" non capisco davvero cosa intendi. Se ti riferisci alla Cina (o all'India) stanno si' crescendo molto rapidamente, ma in settori cruciali e dove sono diventati molto forti e stabili. Quindi non vedo possibilita' di disastri, almeno a breve. Se ti riferisci all'Europa e al Nord America, i problemi sono: 1) una competizione sfrenata in settori che prima dominavamo (che sta letteralmente distruggento la piccola e media industria Italiana, ad esempio), 2) il terziario (banche e assicurazioni) che non sta messo molto bene dalla crisi finanziaria e impedisce una crescita piu' rapida, 3) l'incapacita' di fare riforme che sembrano ormai inevitabili.

quote:

Cosa che cmq si spiega soltanto se quella ricchezza non era poi così reale, ma soltanto fatta apparire tale. Si pensi ad es. all'euro, di cui ci siamo ammantati per far apparire l'Europa il continente economicamente + solido. Ma sotto l'euro c'è un vuoto, dovuto al valore ben diverso del mercato reale, quello fatto delle proprietà e dei salari della gente comune, rimaste ai "vecchi valori".


Stai mettendo insieme troppe cose, e forse facendo un po' di confusione.

La ricchezza finanziaria (case incluse) e' quella che e' piu' volatile e che e' piu' imprevedibile. Per definizione, non e' reale. Ogni volta che occorre un prezzo che viene determinato in qualche mercato per valutare il valore di un cespite economico (credo sia la traduzione corretta di asset), la ricchezza non e' reale.

E i salari sono una forma di reddito, non sono ricchezza.

I mercati finanziari hanno una funzione fondamentale: permettere a delle persone che hanno dei risparmi di ottenere un rendimento e a degli operatori economici di prendere a prestito per creare nuove imprese, posti di lavoro, e nuovo reddito.

Questo deve essere chiaro: senza mercati finanziari un'economia di fatto muore.

Allo stesso tempo, pero', ci sono un sacco di strumenti finanziari (futures, swaps e tante altre cagate) che non servono quasi a una minchia per l'efficienza del sistema, ma creano una fragilita' e un potenziale di crisi enorme, dando allo stesso tempo la possibilita' di fare dei profitti grandissimi, se le scommesse (perche' alla fine quello sono) vanno bene. Che e' in parte quello che e' successo dal 2007 ad oggi: le scommesse sono andate male, creando grosse perdite a catena.

quote:

Non che sia stata una scelta sbagliata l'euro, anzi.


L'euro e' stato creato principalmente per un motivo. Perche' e' la cosa che si avvicina di piu' ad un'area valutaria ottimale.

http://en.wikipedia.org/wiki/Optimum_currency_area

E l'Italia senza l'Euro sarebbe stata spacciata.

Un problema enorme negli ultimi 17 anni e' stata la presenza di Berlusconi. Questo essere inqualificabile ha gonfiato la spesa pubblica (inutile) fuori misura ogni volta che e' andato al governo (avendo la faccia tosta di sostenere il contrario).

Il debito non e' esploso prima perche' hanno venduto di tutto (e fatto cose non proprio pulite con il bilancio pubblico, ad esempio mettendo come entrate correnti voci -come la privatizzazione di alcune aziende pubbliche- che invece avrebbero dovuto dimuire il valore del debito pubblico, che e' una cosa molto diversa).

Non solo hanno fatto la finanza pubblica creativa, ma soprattutto non hanno fatto nulla che potesse migliorare il nostro sistema poduttivo. Gli investimenti sono praticamente nulli da venti anni, quindi la ricerca e lo sviluppo sono quasi azzerati. Restano la moda e il patrimonio artistico, devastato da un Bondi qualsiasi.

L'Italia e' un Paese (quasi) morto. E, mi dispiace dirlo, ma la colpa e' degli Italiani. Hanno sperato di continuare a fare i furbi, pensando solo al proprio rendiconto, senza pensare che non pagare le tasse, distruggere l'educazione pubblica, finanziare progetti clientelari, non valorizzare il merito, convivere con la malavita ad un certo punto portano al collasso di una nazione.

quote:

L'errore, semplificando il tutto a mio modo di vedere, è stato quello di non controllare da subito i maledetti affaristi che nella vendita delle merci, dei titoli e degli immobili hanno trasformato -almeno in Italia- mille lire in un euro, invece che in mezzo euro come era giusto che fosse, creando così tante bolle che sono scoppiate una ad una, e ora, inevitabilmente, dovrà sgonfiarsi anche il grande pallone della Borsa.


Scusa, ma quello che scrivi non ha molto senso.

Il cambio lira/euro e' stato studiato per mesi da un sacco di esperti. Ed il valore finale e' dipeso da una contrattazione molto vigorosa con gli altri paesi aderenti all'euro. Noi spingevamo per un valore basso, in modo da aiutare le esportazioni, mentre Francia e Germania avevano delle richieste opposte, proprio per evitare di perdere terreno.

Un'altra cosa e' dire che dopo l'introduzione dell'Euro il prezzo di alcuni beni e servizi e' aumentato in modo spropositato. Questo e' dipeso dal fatto nel resto d'Europa il prezzo di alcuni di quei beni e servizi era piu' alto, quindi c'e' stata una dinamica di aggiustamento. Mentre per vari altri casi e' stato dovuto solo ad un potere di monopolio/collusione di alcuni settori. Ad esempio, i gestori di ristoranti ed alberghi ne hanno approfittato ed hanno alzato i prezzi in modo sproporzionato perche' speravano di aumentare i propri profitti.

Infine, la borsa (ma anche qualsiasi banca) puo' essere un "pallone" perche' le cose che si vendono dipendono principalmente dalle aspettative degli operatori. Se queste aspettative alla fine risultano sbagliate perche' una azienda non produce gli utili che ci si aspettava, allora il prezzo delle azioni si sgonfia.
Che puo' dare l'impressione che ci sia stata una "bolla". In realta' in molti casi non si tratta di bolle vere e proprie, ma solo del fatto che chi compra e vende azioni agisce in un ambiente molto incerto, dove non ci sono molte informazioni su cio' che accadra; in futuro, e dove il rendimento di un titolo dipende anche da quello di tutti gli altri.

Spero di non essere stato troppo "obnoxious".

Lene.it Forum © Go To Top Of Page
0.21 sec. Snitz Forums 2000