Lene Marlin Italian fan-club
News
Versione italiana   English version

 Home page


 News
 Foto
 Agenda
 Classifiche
 Rassegna stampa
 Biografia
 Discografia
 Testi & Accordi
 Diario & Chats
 Audio & Video


 Regolamento
 Guestbook
 Forum
 MySpace
 Chat
 Vota Lene
 Download
 Sondaggi
 Cerca
 Links


 Iscriviti!
 Iscritti
 Staff/Contatti
 Storia
 Esperienze
 Rubriche
 Fumetto
 Cartoline

24 Febbraio 2013 - 06:22
I pass by, don't dare to stop
Tutte le storie, anche le più belle, hanno un inizio e una fine. Le migliori ti catturano così tanto che anche il lieto fine non può non lasciarti un lieve amaro in bocca, pur essendo lieto, essendo purtroppo fine.
E così dopo otto settimane anche la seconda stagione di Hver gang vi møtes ci ha salutati, con un finale più che lieto. È stata la giornata dei duetti ed è difficile inquadrare la schizofrenia delle situazioni, dall'abbraccio musicale di Kurt e Anita in Friendly al delirio stile Morten di questo e Ole in Tulipz. Ma è quando te lo aspetti dal primo che il secondo fa un balletto da passare alla storia. Nel mezzo un'elegantissima Lene al fianco di Kurt in una versione di Engler i sneen seguita ancora una volta da un Ole (autore del brano) tra l'ammaliato e il commosso, sostenuto dagli sguardi teneri di Marion che si fa tigre sul palco insieme a Magnus. C'è stato di tutto in una serata sola, specchio dell'intera stagione. Soprattutto c'è stato un sogno: Lene dal vivo in un pezzo di Playing my game (Where I'm headed in coppia con Marion). Non serve girarci intorno, noi fan della prima ora lo sognavamo da sempre, parte di un concerto che per ovvi motivi non c'è mai stato e forse mai ci sarà. È stato come ritrovare quella ragazza minuta che pur venendo dal gelo artico ci ha scaldato subito il cuore, come se un cerchio si fosse chiuso e tutto potesse ricominciare. Le parole non possono spiegarlo meglio di ciò che si sente dentro e i sentimenti in fondo non necessitano di spiegazioni. A fronte di ciò classifiche, vendite e pagelle non hanno importanza.

Non potevamo chiedere di più a questa serata e a quelle precedenti. Tutto questo ci mancherà. Ci mancheranno Morten (vero genio e sregolatezza), Anita (con la sua dolcezza materna), Ole (con la sua signorilità), Marion (che con la sua versione di Unforgivable sinner ha quasi fermato il tempo per un istante), Kurt (fenomenale con gli spaghetti) e Magnus. Ma più di tutto e tutti ci mancherà ovviamente Lene, poterla sentire e vedere. Hver gang vi møtes è stato un momento unico e prezioso. Volendo citarla, non sappiamo dove sia diretta ma ci auguriamo che vada avanti e non voglia fermarsi. Qualunque sia il suo futuro il nostro cuore sarà con lei. Saremo pronti a seguirla e sostenerla per vivere ancora favole emozionanti.

Grazie Lene

 
 


Archivio
Se vuoi leggere le altre news
clicca qui