Lene Marlin Italian fan-club
Rassegna Stampa
Versione italiana   English version

 Home page


 News
 Foto
 Agenda
 Classifiche
 Rassegna stampa
 Biografia
 Discografia
 Testi & Accordi
 Diario & Chats
 Audio & Video


 Regolamento
 Guestbook
 Forum
 MySpace
 Chat
 Vota Lene
 Download
 Sondaggi
 Cerca
 Links


 Iscriviti!
 Iscritti
 Staff/Contatti
 Storia
 Esperienze
 Rubriche
 Fumetto
 Cartoline

30 Giugno 1999
Recensione - Playing My Game
Fonte : Rockol
Dite la veritÓ, "Inguaribili peccatori": vi siete un po' invaghiti di questa biondina, come ogni tanto capita di prendersi una sbandata per certe cantanti-caramella tipo Natalie Imbruglia. E' vero tuttavia che qui siamo di fronte a una giovanissima dalle discrete possibilitÓ. Intanto, le canzoni sul disco sono tutte sue. Poi, fin dalla prima "Sitting down here", si intuisce che la sua vena melodica pop non Ŕ per nulla banale. Vorremmo dire la stessa cosa degli arrangiamenti zuccherosi, ma nessun discografico degno di questo nome si sentirebbe di privare una diciottenne caruccia di inutili coretti e archi che fanno tanto, tanto hit-parade. E' anche possibile che ci stiamo illudendo: i testi della Pausini, al confronto di quelli di Lene, sono contorti come quelli degli Skunk Anansie. In ogni caso il disco non Ŕ solo "Unforgivable sinner"; dieci brani sono pochissimi, per gli standard normali, ma questi offrono una media qualitativa superiore a quella dei dischi pop in circolazione. Certo, un po' meno intimismo e pi¨ verve non guasterebbero, ma c'Ŕ qualcosa di puro e adolescente in questa malinconia nordika. Sarebbe interessante sapere se lei avrebbe prodotto e arrangiato il proprio disco in modo diverso, magari meno noiosino. Ma la storia non si fa coi "se", dicono.

 
 


Archivio
Se vuoi leggere gli altri articoli
clicca qui