Lene Marlin Italian fan-club
Rassegna Stampa
Versione italiana   English version

 Home page


 News
 Foto
 Agenda
 Classifiche
 Rassegna stampa
 Biografia
 Discografia
 Testi & Accordi
 Diario & Chats
 Audio & Video


 Regolamento
 Guestbook
 Forum
 MySpace
 Chat
 Vota Lene
 Download
 Sondaggi
 Cerca
 Links


 Iscriviti!
 Iscritti
 Staff/Contatti
 Storia
 Esperienze
 Rubriche
 Fumetto
 Cartoline

10 Giugno 2005
Lost In A Moment - Recensione di Stein Østbø
Fonte : VG
Il terzo album di Lene Marlin coinvolge troppo poco, anche per i testi.

Lene Marlin ovviamente non ha bisogno di presentazioni. La sua vita e soprattutto la sua carriera sembrano aver ritrovato il loro corso dopo un inizio turbolento. Questa stabilizzazione evidentemente si è esaurita con il precedente album "Another Day", perché "Lost In A Moment" contiene solo generali temi d'amore, di sicuro alquanto più tristi. Neanche la morte di una sua amica (il disco è dedicato a lei) ha portato una maggiore profondità nell'essenza delle canzoni, per lo meno non ancora.

Ecco che, scomparso questo appiglio, gran parte della magia di Lene Marlin svanisce allo stesso tempo. Vince nella sua vocalità distintiva e malinconica, ma nemmeno questo, nè la produzione di larghe vedute degli StarGate, ha permesso di lasciarsi alle spalle quello spesso monotono e noioso ritmo sostenuto, in cui un paio di canzoni sembrano dei ritagli dello Sting degli anni novanta. Un Lene più rock? No di certo.

"Lost In A Moment" in generale manca dell'immediatezza del primo "Playing My Game", così come del vantaggio dato dall'effetto sorpresa di "Another Day". In questa ottica, potrebbe diventare interessante chiedersi se l'album non sia uscito troppo presto, come tentativo di recuperare laddove "Another Day" non ebbe l'influenza preventivata sulle classifiche europee. Il nuovo singolo "How Would It Be" è entrato in classifica in Italia solo in sedicesima posizione, dove all'inizio erano tutti pazzi per Lene.

La canzone migliore dell'album è la traccia 2, intitolata "All I Can Say" - dolceamara in tutta la sua tristezza - ma è nella seconda metà della tracklist che troviamo le idee migliori, le due bellissime ballate "When You Were Around" e "It's True". Nella prima si ritrova quella nuda vulnerabilità così presente nel precedente album, una cosa che capita troppo raramente stavolta. "Lost In A Moment" non è del tutto anonimo, ma sfortunatamente non riesce mai a coinvolgere appieno.


Trascritto da Tef Johs
Traduzione in italiano a cura dello staff di Lene.it

 
 


Archivio
Se vuoi leggere gli altri articoli
clicca qui