Lene Marlin Italian fan-club
Rassegna Stampa
Versione italiana   English version

 Home page


 News
 Foto
 Agenda
 Classifiche
 Rassegna stampa
 Biografia
 Discografia
 Testi & Accordi
 Diario & Chats
 Audio & Video


 Regolamento
 Guestbook
 Forum
 MySpace
 Chat
 Vota Lene
 Download
 Sondaggi
 Cerca
 Links


 Iscriviti!
 Iscritti
 Staff/Contatti
 Storia
 Esperienze
 Rubriche
 Fumetto
 Cartoline

14 Dicembre 2004
La regina del ballo
Fonte : Bladet Troms°
Lene Marlin ha avuto l'onore di aprire le danze ieri al Troms°hallen, ed Ŕ subito diventata la regina del ballo.

Lene Marlin ha impressionato con le sue splendide canzoni e la sua chitarra al Troms°hallen lunedý sera.

Con ogni probabilitÓ tutti se lo aspettavano, ma l'atmosfera ha assunto una connotazione davvero speciale quando la regina del pop di Troms° ha fatto il suo ingresso sul palcoscenico nella sua cittÓ natale ieri.

Gli applausi sono iniziati immediatamente, e tutti hanno cantato insieme a Lene dal primo ritornello di Sitting Down Here.

In appena sei concerti, Lene ha maturato una notevole esperienza e ha imparato molto. Ci˛ che salta maggiormente all'occhio Ŕ quanto sia pi¨ aperta e a suo agio di quanto non si sia vista a Stavanger. Comunica di pi¨ con il pubblico, e non lesina parole tra una canzone e l'altra. Ma qui era a casa, e ha ricevuto un grande supporto fin dalla prime note.

Lene Marlin ha estasiato il pubblico, il pi¨ caloroso di tutto il tour. E non possiamo che confermarlo - per di pi¨ a Troms° l'attesa per un momento come questo si Ŕ protratta per molti anni. Lene Marlin fino a oggi Ŕ stata una popstar solamente in virt¨ della forza e della bellezza delle sue canzoni. Ora Ŕ sulla strada per diventare "grande", per diventare un'artista da palcoscenico.

Si ha ancora l'impressione che si trattenga un po', ma su molti pezzi ieri sera Lene Ŕ stata fenomenale.

In aggiunta - come ho giÓ ricordato - l'atmosfera era quanto di pi¨ speciale si potesse immaginare.

Sitting Down Here Ŕ un brano adattissimo per scaldare la platea in apertura, e la scaletta tutta Ŕ stata ben concepita, dalla fantastica Fight Against The Hours, fino alla calma My Love - per la quale occasione Lene Marlin si Ŕ immersa da sola in mezzo al pubblico con la sua chitarra: il momento pi¨ magico della serata.

E dopo aver trascinato l'atomsfera al settimo cielo con questa parentesi, con una hit come You Weren't There si profila una scontata vittoria casalinga.

Da quel momento fino alla bandiera a scacchi la strada Ŕ stata tutta in discesa per l'artista di Troms°.

In alcuni momenti la canzoni di Lene Marlin sono apparse un po' troppo tranquille se accostate alla festositÓ della platea, ma lei ha provveduto a rinvigorire un po' diverse dei suoi brani pi¨ calmi per ottenere un effetto migilore in vista del live. Straordinaria la chiusura con Unforgivable Sinner, cosý come Sorry - un fiore meno conosciuto che Ŕ sbocciato nella versione dal vivo.

Si Ŕ trattato della conclusione migliore per il primo tour di Lene Marlin. Ora la ragazza si merita una pacca sulla spalla, oltre a una vera e propria celebrazione.


Traduzione in italiano a cura dello staff di Lene.it

 
 


Archivio
Se vuoi leggere gli altri articoli
clicca qui