Lene Marlin Italian fan-club
Rassegna Stampa
Versione italiana   English version

 Home page


 News
 Foto
 Agenda
 Classifiche
 Rassegna stampa
 Biografia
 Discografia
 Testi & Accordi
 Diario & Chats
 Audio & Video


 Regolamento
 Guestbook
 Forum
 MySpace
 Chat
 Vota Lene
 Download
 Sondaggi
 Cerca
 Links


 Iscriviti!
 Iscritti
 Staff/Contatti
 Storia
 Esperienze
 Rubriche
 Fumetto
 Cartoline

24 Settembre 2003
Lene Marlin: 'Ecco come sono cambiata'
Fonte : Rockol.it
La piccola “stella del nord” è cresciuta. Non in statura, a voler essere sinceri: la giovane cantante norvegese che qualche anno fa aveva scalato le classifiche con “Unforgivable sinner” è sempre una “biondina” lontana dallo stereotipo delle "valchirie" nordiche. Il suo viso un pò imbronciato continua a conquistare fan e continua a sembrare quello di una bambina. Lei, però sembra tutt'altro che tale. “You weren’t there”, primo singolo estratto dal nuovo “Another day” è già un successo in Italia. “Tutta la mia vita è cambiata”, spiega Lene a Rockol. “Dall’andare a scuola in una cittadina del nord come Tromso all’andare in giro per il mondo con la mia chitarra… E’ stato bello e duro contemporaneamente. Ad Oslo, dove ora vivo, ci era già stata parecchio, meno a Londra, ma torno a casa ogni volta che riesco".

Questa maturità Lene la dimostra soprattutto nel modo in cui racconta le sue scelte: “Il successo del primo disco mi ha stupito così tanto che ho avuto bisogno di un bel po’ di tempo per riprendermi e rilassarmi, fare altro. Non ho sentito pressione, non più di tanto. C’era gente che mi diceva che dovevo fare un altro disco in fretta, perché mi avrebbero dimenticata. Ma io sono testarda, mi sono presa il mio tempo, perché avevo bisogno di fare altre cose”, racconta, dimostrando una saggezza non comune per suoi 22 anni.

Quanto ai cambiamenti, Lene dimostra la (giusta) dose di istintività e inconsapevolezza dell’età: “Semplicemente questo disco è diverso, e ne sono orgogliosa. E’ difficile per me dire in cosa è cambiata la mia musica, perché l’ispirazione è sempre la mia, o forse solo sono troppo dentro alla mia musica per dirlo. Però so per certo che se non avessi inciso questo disco avrei continuato a fare musica scrivendo canzoni, perché questo è ciò che mi piace fare. Magari per qualcun altro. Per chi? Magari per i miei artisti preferiti, gente come U2 e Coldplay. Ma credo che se le sappiano scrivere egregiamente da soli, le canzoni…”.

 
 


Archivio
Se vuoi leggere gli altri articoli
clicca qui