Lene Marlin Italian fan-club
Rassegna Stampa
Versione italiana   English version

 Home page


 News
 Foto
 Agenda
 Classifiche
 Rassegna stampa
 Biografia
 Discografia
 Testi & Accordi
 Diario & Chats
 Audio & Video


 Regolamento
 Guestbook
 Forum
 MySpace
 Chat
 Vota Lene
 Download
 Sondaggi
 Cerca
 Links


 Iscriviti!
 Iscritti
 Staff/Contatti
 Storia
 Esperienze
 Rubriche
 Fumetto
 Cartoline

01 Ottobre 1999
L'ultima favola nordica ha come protagonista una "piccola" norvegese
Fonte : Rockstar
Ha meno di vent'anni. Come Britney Spears, come Mandy Moore, come Christina Aguilera. I termini della faccenda, in fondo, sono tutti qui. Lene Marlin è la dimostrazione che essere delle giovani popstar non comporta il fatto di essere completamente idiote, e goffamente lolitesche. Il tempo che Britney Spears ha speso per rifarsi il seno, Lene l'ha investito nella preparazione degli esami di maturità. «Non sai mai come vanno le cose, nel mondo dello spettacolo: meglio avere un titolo di studio in mano» racconta. A differenza delle colleghe americane, Lene non è cresciuta su un ottovolante del Disneyworld di Orlando, e non ha iniziato a mettersi il rossetto a otto anni, per presentare il Mickey Mouse Club in televisione. Tromso, la sua città, si trova nel nord della Norvegia all'interno del circolo polare artico, 60.000 anime infreddolite che si spartiscono una sola ora di luce al giorno per tutto l'inverno. «Il posto dove sono nata ha da sempre un ruolo fondamentale nella mia musica. La luce, dalle mie parti, è diversa dalla luce di ogni altro luogo del mondo. Credo che sia più facile essere ispirati, quando vedi il sole per una sola ora ai giorno». Con buona pace delle siliconate teen-popstar della Florida: sono circondate dall'illuminazione intermittente dei sei parchi di divertimento più grandi del mondo, eppure non sono mai riuscite a scrivere una canzone da sole. «Ho iniziato quasi per gioco, esibendomi con una chitarra acustica in una piccola radio della mia città» racconta Lene. «La cosa mi è presto sfuggita dì mano, e il gioco è diventato più grande di me. Mi sono ritrovata a viaggiare ogni week end tra Tromso e Oslo per registrare l'album. Sono tre ore di viaggio, ricordo che spesso abbassavo il tavolinetto dell'aereo e mi mettevo a fare i compiti per il lunedì successivo». Il resto è storia recente: Lene è entrata direttamente al primo posto nelle classifiche norvegesi, per poi sferrare il suo attacco alle classifiche mondiali. L'Europa ha ceduto quasi subito, il Giappone non ha resistito che poche settimane. «Non credo di poter essere accostata alle mie colleghe d'Oltreoceano, se non per un fatto anagrafico. Scrivo da sola le mie canzoni, raccontando le cose che mi sono successe, o che ho visto succedere a chi mi circonda. Nessuno ha deciso che avrei fatto un disco: l'investimento non è stato fatto su di me, ma sulle mie canzoni, che esistevano già». Anche perché la musica, per Lene, non è un semplice accessorio della propria popolarità: ne rappresenta l'essenza stessa. "Ho sempre ascoltato molta musica: ammiro la Morissette, Dolores O'Riordan e gli U2. Mi piacciono i Chemical Brothers, e trovo che molte band della scena scandinava si stiano facendo notare per spessore ed originalità. Penso ai Cardigans, ovviamente, ma anche ai Wannadies, ai Kent, ad Andreas Johnson. Per molto tempo la Scandinavia è stata considerata la patria europea della musica dance più commerciale e radiofonica. Invece esistono realtà importanti anche e soprattutto nel panorama pop e rock e, forse a causa dell'inaridimento della scena inglese, finalmente la discografia europea se n'è accorta. Anche in Norvegia ci sono decine di band davvero interessanti. Purtroppo cantano in norvegese, e questo di certo non aiuta".

 
 


Archivio
Se vuoi leggere gli altri articoli
clicca qui